Caradisiac utilise des cookies pour assurer votre confort de navigation, à des fins statistiques et pour vous proposer des services adaptés. En poursuivant votre navigation, vous en acceptez l'utilisation. En savoir plus X

inscription
 

Il y a 110 utilisateurs connus et inconnus. Pour voir la liste des connectés connus, cliquez ici
Ajouter une réponse

 Mot :  Pseudo :  
  Aller à la page :
Vider la liste des messages à citer  
 Page :
1  ...  1300  1400  1401  1402  1403  1404  1405  1406  1407  1408  1409  1410  1420  1430  1440  1450  1460  1470  ...  1737
100  200  300  400  500  600  700  800  900  1000  1100  1200  ...
1480  1490  1500  1600  1700  ...
Page Suivante
Page Précédente
Auteur
 Sujet :

Targa Florio e le Corse Siciliane

Prévenir les modérateurs en cas d'abus 
n°15451365
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 03-05-2012 à 20:37:37  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Publicité
Reprise du message précédent :
del resto tutta questa storia e il declino inarrestabile del mito e' stato possibile in quanto il tutto si verifica nell'ex bel paese, dove interessi di parte e cura DEL PROPRIO ORTICELLO CI HANNO PORTATO AI CONFINI DEL BARATRO.

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15451370
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 03-05-2012 à 20:46:06  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Esimio collega....

ti leggo ...costipato..... pesantezza di stomaco ? troppabbile ?

Tino_Scotti

eranosologarediburlesque57 [smileyperso

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15451376
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 03-05-2012 à 20:56:35  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Today, after thirty-nine years again in Sicily.

Welcome back Jack & John!

Chi è interessato sabato 5 maggio
ad incontrare Jack Wheeler e a mangiare una pizza in buona compagnia.... mi segnali in privato la sua adesione.



Il locale scelto è il Baglio Himera, all'inizio del rettilineo di Buonfornello (lato Cerda) , un locale amico di Targapedia e dei frequentatori del Forum.

L'appuntamento è per le 20,30 , gradita la presenza delle signore, probabilmente avremo una graditissima sorpresa sia per Jack e John che per tutti i presenti.

Ripeto che aspetto di sapere entro domani pomeriggio chi vuole essere presente per potere prenotare il tavolo.

Targa Florio 1966

1966-jVoir l'image en grand0 vote

Jack Wheeler alle verifiche tecniche

Targa Florio 1967

168%20Austin%20Healey%20Sebring%20Sprite%20%20J.Wheeler%20-%20M.Davidson%20%2813%29

La mitica 7080AC alla partenza


Targa Florio 1968

158%20Austin%20Healey%20Sebring%20Sprite%20%20J.Wheeler%20-%20M.Davidson%20%283%29

ancora una Targa Florio per la 7080AC, Martin e Jack in attesa del via


Targa Florio 1969

224%20Austin%20Healey%20Sprite%20%20J.Wheeler%20-%20M.Davidson%20Box%20%282%29

l'ultimaTarga Florio per la 7080AC, Martin e Jack ai box di Floriopoli

Targa Florio 1970

1970-220-21Voir l'image en grand0 vote
Jack schierato per la partenza sulla nuova Jerboa BMC

Targa Florio 1971

1971-23--3Voir l'image en grand0 vote
Jack e Martin ai box

Targa Florio 1972

1972-15-1Voir l'image en grand0 vote
Con la Daren BRM durante le prove, sotto Caltavuturo

Targa Florio 1973

1973-12-1Voir l'image en grand0 vote
ultima Targa Mondiale ed ultima Targa per Jack, quì a Campofelice di Roccella

Oggi dopo trentanove anni di nuovo in Sicilia.

Bentornati Jack & John !


firma-targapedia

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
mood
Publicité
Profil
Posté le 03-05-2012 à 20:56:35  answeranswer +Edition rapideVoir le bbcodeMPFavoris
 

n°15451446
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 04-05-2012 à 00:07:10  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Tra pochissimi giorni i fortunati residenti in Palermo

avranno la possibilità di votare, congiuntamente o disgiuntamente che sia, i propri rappresentanti....


Sia ben chiaro che questo post non vuole essere di propaganda elettorale per alcuno dei candidati, ha piuttosto un valore informativo ferma restando la libera scelta e le libere opinioni di ognuno di noi.

google (2)Voir l'image en grand0 vote

Da tempo immemorabile siamo rimbalzati sul muro di gomma eretto dall'amministrazione uscente (o uscita) : un motivo in più per ricordarci del sorriso ebete dell'ex primo cittadino.

E' comunque indubbio che il movimento di opinione e la controinformazione a cui abbiamo dato vita hanno quantomeno creato delle premesse. Verificheremo per fortuna presto quali risultati produrranno.

La notizia è che oggi due dei candidati sindaci hanno dimostrato di essere sensibili affinchè questa città ritrovi la memoria per uno dei suoi uomini più illustri : Vincenzo Florio

Marianna Caronia che pienamente a conoscenza della nostra istanza e del suo valore culturale e storico , ne ha sposato, indipendentemente da nostre sollecitazioni, le motivazioni ....

...e Leoluca Orlando, che ne parlerà domani sera nel suo comizio finale a Piazza Marina


Sono segnali positivi, almeno io la penso così ed è questo il motivo per il quale ho sentito il bisogno di darne notizia.

Tabella parco 1Voir l'image en grand0 vote

Un altro segnale positivo : più politici, assessori compresi si sono rammaricati per non essere stati informati della manifestazione dedicata a Nuvolari. Sarebbero stati presenti, almeno così dichiarano.
Che la manifestazione si sia svolta in modo assolutamente apolitico, pur con i colori della nostra regione sulle Cisitalia e sul quadro è stato a modesto mio parere cosa positiva.
Infatti nessuno degli assenti ha potuto appropriarsi a scopi personali, in periodo elettorale per giunta, del lavoro e dei sacrifici anche economici affrontati dagli organizzatori, gli stessi assenti dolenti avranno modo nel prossimo futuro di dimostrare con fatti concreti la conoscenza e l'amore per la nostra città e potranno appoggiare prossime iniziative culturali spontanee come quella appena trascorsa


NUVOLA-8Voir l'image en grand0 vote

aspettandogodò57 [smileyperso

Message édité par TARGAPEDIA le 04-05-2012 à 00:08:15

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15451615
beppe45
... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Posté le 04-05-2012 à 11:22:40  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

gulf2 a écrit :


l'errore di programmazione e' pesantissimo. la targa rally, se si fosse fatto tutto per bene senza seguire le sirene del wrc SU STERRATO A ENNA della premiata ditta marasco lauria, sarebbe stara irc SICURO PER QUEST'ANNO! LA LEGGE ARICO' HA DATO RESPIRO ALLA POSSIBILITA' DI FARE LE PROVE SU ASFALTO SULLE ALTE MADONIE DOPO VENTI ANNI DI ATTESA! E CHE TI FANNO I PADRONI DEL VAPORE? SI IMBARCANO NELL' AVVENTURA WRC CHE CON LE MADONIE E IL NOSTRO SACRO ASFALTO NON C'ENTRAVA UNA MAZZA! l'evoluzione verso l'irc sarebbe stata la piu' logica e la piu' rispettosa del nostro passato, ma non si puo pretendere che chi comanda abbia anche la sensibilita' storica che la targa merita. purtroppo il tutto non e' disgiunto da una seria programmazione dell'evento storico, perche' a me di una rievocazione passerella con vetture che per il 90% dei partecipanti non hanno attinenza con la "cursa" mac gropup o ono mac group, non mene frega niente! andatevi a vedere gli iscritti alla le lams classic di luglio prossimo venturo e capirete cosa significa una rievocazione vera, ripeto che e' tutto uno schifo!non ne posso piu...e dire che in seno all'aci ci sarebbero gli uomini che potrebbero fare di piu' e meglio, e non sono romani o ennesi.


TI MERAVIGLI PER TROPPO POCO ED ANCHE TI ASPETTI TROPPO DA CHI CONSIDERA LA TARGA FLORIO UN MEZZO E NON UN FINE.

AGGIUNGO, CON RISPETTO, CHE COMMETTI UN PICCOLO ERRORE:

LA PERCENTUALE DI "vetture che per il 90% dei partecipanti non hanno attinenza con la "cursa" mac gropup o ono mac group"
E' SICURAMENTE .... ECCESSIVA .... PER DIFETTO.

LA TARGA ERA UN ATTO DI AMORE VERSO LO SPORT AGONISTICO E NON E' LECITO MISTIFICARNE L'ESSENZA.

LA SUA FAMA E' RIMASTA TALE, ED OGGI SE NE SONO ACCORGONO IN TANTI, PERCHE' E' STATA QUELLO CHE AVEVA VOLUTO IL CAVALIERE VINCENZO FLORIO:

....."Se ho sbagliato nel non concedere ingaggi, tanto peggio per me, però fino a quando la « Targa » sarà da me organizzata ed avrò il conforto della solidarietà piena del mio socio Giacomo Tagliavia, che fortemente collabora con me per il successo della corsa, io desidero che il vincitore sia uno sportivo puro, o isolato o che appartenga ad una casa che si renda conto che la « Targa Florio si corre, si vince o si perde compiendo quei sacrifici che essa merita e che si addicono per la sua grande fama e per la sua vasta risonanza internazionale".

UN RALLY, CON LE CARATTERISTICHE VOLUTE DA VINCENZO FLORIO , PUO' CHIAMARSI "TARGA FLORIO".

IL RESTO CHIAMATELO COME MEGLIO VI PARE .... PRIMA O POI IL VOSTRO CUORE VI DARA' LA RISPOSTA

IO, NEL MIO NIENTE, RESTO CON IL CAVALIERE VINCENZO FLORIO.

beppe


---------------
beppe 45
n°15451634
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 04-05-2012 à 12:18:44  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Non è un segreto, se ne sente parlare sempre più spesso,
io ne ho avuto notizia ufficiosa, per vie extramaraschiane per intenderci, ma certa :


La Mercedes sarà ufficialmente presente ad Ottobre alla manifestazione organizzata dal MacGroup con la 300 SLR telaio 004....

Mercedes-Benz-300SLR_MM_Roadster-011-1024

....la stessa vettura che con Stirling Moss e Denis Jenkinson vinse la Mille Miglia del 1955

Stirling-Moss-Mercedes-300-SLR-Mille-Miglia-Start

e con Stirling Moss e Peter Collins vinse la Targa Florio dello stesso anno

104%20Mercedes%20Benz%20300%20SLR%20%20%20S.Moss%20%20-%20P.Collins%20%283%29

Da qualsiasi lato si voglia considerare questa notizia, a me, ma è un modesto parere personale, mi sembra positiva ed apre prospettive per il futuro prossimo nuove, ma è e rimane comunque un mio modesto parere personale.

300slr722


Come dice DonFlorio se son rose fioriranno, sperando non siano altri fiori......

fioredikaki

PS: anche la Porsche sarà presente, per la seconda volta in veste ufficiale.....

ecotarga-70Voir l'image en grand0 vote


Mercedes-Benz-300SLR_MM_Roadster-09-1024

aspettandogodò57
firma-targapedia

Message édité par TARGAPEDIA le 04-05-2012 à 12:23:59

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
mood
Publicité
Profil
Posté le 04-05-2012 à 12:18:44  answeranswer +Edition rapideVoir le bbcodeMPFavoris
 

n°15451669
ranocchio6​1
Profil : Pilote semi-pro
ranocchio61
Posté le 04-05-2012 à 13:21:38  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
DOPO TANTE MALAFIURE
sarebbe giusto a questo punto mettersi da parte con delle onorevoli dimissioni...
invece di stare attaccati alla poltrone.........

Message édité par ranocchio61 le 04-05-2012 à 13:29:39
n°15451676
ranocchio6​1
Profil : Pilote semi-pro
ranocchio61
Posté le 04-05-2012 à 13:37:52  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Non credo che possa bastare una 33 del 1968...o una Porsche 911 del 1973(Quella del museo porsche?)...cmq diversa da quella che vinse la Targa o la Mercedes del 1955.......
Anche perche' il tutto sarebbe da contorno alla famosa ECOTARGA...
La questione Rally..per me sa di Fantozzi...prese per il Cul........o a ripetizione........non dimentichiamo mai chi erano gli attori del WRC........gli setssi che per anni non hanno fatto una mazza per la vera Targa e per Floriopoli....
Ps
Tra pochi giorni saranno passati 3 anni dal canto di Vittoria di Giovanni Avanti(io per primo ero un povero illuso)
n°15451682
beppe45
... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Posté le 04-05-2012 à 13:45:43  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

ranocchio61 a écrit :


Non credo che possa bastare una 33 del 1968...o una Porsche 911 del 1973(Quella del museo porsche?)...cmq diversa da quella che vinse la Targa o la Mercedes del 1955.......
Anche perche' il tutto sarebbe da contorno alla famosa ECOTARGA...
La questione Rally..per me sa di Fantozzi...prese per il Cul........o a ripetizione........non dimentichiamo mai chi erano gli attori del WRC........gli setssi che per anni non hanno fatto una mazza per la vera Targa e per Floriopoli....
Ps
Tra pochi giorni saranno passati 3 anni dal canto di Vittoria di Giovanni Avanti(io per primo ero un povero illuso)


LA TARGA ERA UN ATTO DI AMORE VERSO LO SPORT AGONISTICO E NON E' LECITO MISTIFICARNE L'ESSENZA.


LA SUA FAMA E' RIMASTA TALE, ED OGGI SE NE SONO ACCORGONO IN TANTI, PERCHE' E' STATA QUELLO CHE AVEVA VOLUTO IL CAVALIERE VINCENZO FLORIO:

....."Se ho sbagliato nel non concedere ingaggi, tanto peggio per me, però fino a quando la « Targa » sarà da me organizzata ed avrò il conforto della solidarietà piena del mio socio Giacomo Tagliavia, che fortemente collabora con me per il successo della corsa, io desidero che il vincitore sia uno sportivo puro, o isolato o che appartenga ad una casa che si renda conto che la « Targa Florio si corre, si vince o si perde compiendo quei sacrifici che essa merita e che si addicono per la sua grande fama e per la sua vasta risonanza internazionale".

UN RALLY, CON LE CARATTERISTICHE VOLUTE DA VINCENZO FLORIO , PUO' CHIAMARSI "TARGA FLORIO".

IL RESTO CHIAMATELO COME MEGLIO VI PARE .... PRIMA O POI IL VOSTRO CUORE VI DARA' LA RISPOSTA

IO, NEL MIO NIENTE, RESTO CON IL CAVALIERE VINCENZO FLORIO.

beppe





P.S.

IO NON SONO AFFATTO DELUSO: E' ESATTAMENTE QUELLO CHE MI ASPETTAVO DOPO AVERLO INCONTRATO.

SE LA TARGA INTERESSA SOLO COME ARGOMENTO ELETTORALE LA COSA NON PUO' INTERESSARMI DI MENO


---------------
beppe 45
n°15451685
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 04-05-2012 à 13:48:34  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
caro ranocchio, sono assolutamente d'accordo...sono staNCO E DISILLUSO, RIBADISCO CHE IN UNA RIEVOCAZIONE VERA TIPO LE MANS CLASSIC CI SONO CIRCA QUATTROCENTO VETTURE ISCRITTE DA SOGNO CHE SI PRESNDONO A SPORTELLATE IN UNA GARA VERA, NIENTE PASSERELLA SOPORIFERA CON QUATTRO MACCHINETTE DI POCA SOSTANZA, NON BASTANO UNA MERCEDES, UNA 33 E UNA 911 MARTINI PER FARE L'EVENTO, LA RIEVOCAZIONE DEVE ESSERE STILE LE MANS CLASSIC, CIOE' STILE 1986, IL RESTO E' FUMIERE

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15451687
ranocchio6​1
Profil : Pilote semi-pro
ranocchio61
Posté le 04-05-2012 à 13:48:41  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Quando parlo di dimissioni....
Non faccio riferimento a Gianfranco Mavaro, al Direttore di gara e a tutti i ragazzi che per la Targa danno l'anima ...... ma chi sopra di loro gestisce le sorti politico strategiche della Targa!
n°15451688
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 04-05-2012 à 13:51:01  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
ANDATEVI A VEDERE IL SITO LEMANSCLASSIC.COM PER VEDERE COME SI FA UNA RIEVOCAZIONE AGONISTICA E GUARDATE NELLA ENTRY LIST: C'E' OVVIAMENTE ANCHE REDMAN CHE CORRE, NON PASSEGGIA, CON UNA 33/3.
E NOI CI ACCONTENTEREMO DELLA PASSERELLA DI MAC GROUP, UNA MEZZA GIORNATINA A FLORIOPOLI COME LìANNO SCORSO...MA PER PIACERE...

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15451690
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 04-05-2012 à 13:52:20  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
GIANFRANCO MAVARO è L'UNICO CHE MERITA RISPETTO INCONDIZIONATO, è L'UNICO CHE CI SA FARE E HA SALVATO IN QUESTI ANNI LA TARGA RALLY, CONUN ORGANIZZAZIONE IMPECCABILE, FARINA DEL SUO SACCO!

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15451699
beppe45
... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Posté le 04-05-2012 à 14:10:27  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

gulf2 a écrit :


GIANFRANCO MAVARO è L'UNICO CHE MERITA RISPETTO INCONDIZIONATO, è L'UNICO CHE CI SA FARE E HA SALVATO IN QUESTI ANNI LA TARGA RALLY, CONUN ORGANIZZAZIONE IMPECCABILE, FARINA DEL SUO SACCO!


Senatores boni viri, senatus mala bestia


Message édité par beppe45 le 04-05-2012 à 14:13:06

---------------
beppe 45
n°15451708
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 04-05-2012 à 14:57:01  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Ognuno è padrone di pensare che
l'interesse di gruppi come Mercedes, Porsche o Ferrari (inteso come gruppo Fiat) che dal 2005 hanno ignorato tutto quello che odorava di AcPa, o l'ingresso di una organizzazione rodata e con un agenda di clienti e sponsor internazionali come il Mac Group, laddove ha regnato l'arte di arrangiarsi, sia cosa da poco, insufficiente e comunque che non apra alcuna prospettiva per il futuro.


Allo stesso modo io sono padrone di pensare
che le prospettive rispetto al 2010 stanno cambiando, ed anche in modo radicale.


Fermo rimane il degrado di Floriopoli, dove nulla ad oggi è cambiato, se non il quadro di Salvo Manuli che copre le vergogne non solo presenti ma anche passate e che abbracciano a vario tipo ed in vario grado responsabilità di tutti, nessuno escluso.

ecotarga-51Voir l'image en grand0 vote

Ma di questo ho già scritto come ho scritto della imprescindibilità di restituire la dignità offesa al luogo, per poter pensare ad una programmazione logica e prolungata nel tempo di passerelle internazionali sotto il nome dei Florio.

Ognuno è libero di lamentarsi all'infinito.
Lecito è però domandare quali sono le soluzioni proposte e soprattutto percorribili.

A meno che non piaccia ascoltare e leggere il proprio lamento, all'infinito.



Il Rally Targa Florio è un'altra cosa. Ne ho già scritto e non ho nulla di nuovo da aggiungere se non che proposte di dimissioni a raffica o ben indirizzate forse troverebbero miglior sede nei tanti forum o blog dedicati all'attualità rallystica, dove potrebbero sicuramente dare più fastidio ai bersagli delle critiche.

Invece rilevo nuovamente con piacere che le pagine del topic TARGA FLORIO continuano ad essere animate da dialoghi e polemiche, humus necessario per lo scambio di idee, sia se limitate a lamentazione virtuale e perseverante o a se volte a proposizione reale e concreta, da non confondere con la mera illusione che lasciamo ad altri.

Quattromilioni di contatti hanno pure un senso ed aiutano ad avere sicuramente maggiore visibilità.

Possa almeno quest'ultima considerazione lenire la depressione ed il pessimismo del
Vecchio Grande Padre Fondatore


firma-targapedia

Message édité par TARGAPEDIA le 04-05-2012 à 14:58:45

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15451771
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 04-05-2012 à 17:47:46  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
caro Enzo, e' chiaro che sono molto arrabbiato per questa ennesima bufala dei padroni del vapore in merito a quanto pontificato per il futuro del rally e mai mantenuto, certamente mac group dovrebbe essere sinonimo di serieta' organizzativa, ma l'edizione "anno zero" e' stata un mega raduno ferrari moderne con contorno piu' o meno assortito di vetture e vetturette storiche per giro di sicilia turistico e un piccolo contentino per il piccolo circuito, se questo e' quello che ci dobbiamo aspettare per i prossimi anni francamente e' troppo poco...anche se la presenza di qualche vettura davvero importante potrebbe essere una bella novita'...ma per fare l'evento ruìipeto che non possono bastaer tre o quattro vetture icona, ci vuole di piu', e sappiamo tutti noi benissimo cosa: una cartellata di vetture da corsa di tutti i periodi della targa, che si sfidano col cronometro in piccoli pezzi simbolici di qualche km nel contesto del piccolo circuito e con floriopoli fulcro della manifestazione! il giro di sicilia e' un'altra cosa, le passerelle per ricconi pure, sono tristi! probabilmente un pizzico di agonismo e' per me irrinunciabile, anche perche' le corse , pur in moto e non in auto, le ho vissute in prima persona , e' un imprinting, e per me le alfa 3373, le 908, le teasta rossa , le dino devono esserci e devono CORRERE, CORRERE!come fanno in tutti gli innumrrevoli palcoscenici per corse storiche vere in europa e nel mondo...

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15451774
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 04-05-2012 à 17:50:20  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
ripeto, andate a vedere l'elemco iscritti della le mans classic: 4 512, 2 917, 9 908, 12 gt 40, 6 910, 6 alfa 33, 12 lola t70 6 904, 2 312 p....perche noi no?

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15451874
ranocchio6​1
Profil : Pilote semi-pro
ranocchio61
Posté le 04-05-2012 à 20:03:09  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
n°15451884
salvo manuli
"Il Proff."
Profil : Vétéran
salvo-manuli
Posté le 04-05-2012 à 20:11:01  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

Ho avuto il piacere di riincontrare dopo tanti anni, presso l’ Officina Storica di Tommaso e Fabrizio Falanga (RAOR) un personaggio, un vecchio pilota che ha fatto della Targa Florio un suo proprio 'Life Motive.

Gaetano Lo Iacono, oggi è un settantacinquenne in ottima forma e nonostante sia in pensione da tempo, non si tira mai indietro nell’ aiutare gli amici Falanga quando c’ è da risolvere problemi “camurrusi” soprattutto alle vecchie Lancia che si trovano all’ interno dell’ officina in ripazione. Si perché il Ns. Gaetano ha sempre avuto la passione per le Lancia… ed i ricordi fanno un lungo viaggio a ritroso negli anni 50, quando Gaetano impara il ‘mestiere alla scuola dei Fratelli Corselli, altra officina storica LANCIA a Palermo.

Qui lavora sulla Lancia B20 di Nino Vaccarella, che ricorda verde bottiglia, ed in seguito quando ha una sua propria Officina nei pressi di Corso Scinà per molte corse. Vaccarella poi passa alla Maserati che sarà curata da Gino Alterio, ma continua un ottimo rapporto di fiducia con Gaetano.

La passione per le corse era grande per Gaetano e ben presto decide di partecipare alle gare automobilistiche come pilota, come vero protagonista e non solo come meccanico.

Nel 1961, partecipa alla cronoscalata al Monte Pellegrino con una bellissima Lancia Aurelia B20, beige, dell’ amico Chicco Teresi, altre gare per poi finalmente partecipare, nel 1964 alla Targa Florio con Alfonzo Merendino.

Alla Targa Florio del 1965, partecipa con una Lancia Flaminia Spider Blu 2500, non certo molto adatta alla Targa, con il famoso commerciante di Tessuti di via Maqueda, Mario Raimondi.

Nel 69 non fa la Targa Florio, ma partecipa con successo a molte gare con la sua fida Lancia Flavia 1800 coupè.
Nel frattempo trasferisce la sua officina Lancia in via Federico Pipitone

Nel 1969, preparata una Lancia Fulvia Zagato 1300, di colore blu scuro, partecipa alla Targa Florio con Sergio Mantia ed a molte altre gare in salita.
La Fulvia Zagato blu viene distrutta, in modo assurdo, alla fine della Montepellegrino ferma in parco chiuso, dalla Fulvia PT di Matteo Scarlatta, tanto da dover acquistare una scocca Z nuova, che diventerà Gialla col cofano blu…

Con essa, in coppia sempre col fido dott. Sergio Mantia faranno la Targa Florio del 1970 e molte altre gare.
Una parentesi nuova nel 1971, sempre in Targa Florio con l’ Alpine A1100 -1300 con Mantia.

Nel 1972, ritorna in Lancia, ma corre la Targa Florio con una bella Fulvia HF 1300, in coppia con Giuliano Savona.

Alla Targa del 1975 ritorna alla guida della sua Lancia Zagato gialla ma in coppia con Antonio Accardi e nel 1977 la sua ultima Targa Florio, questa volta con la sua Fiat 124 Abarth 1800, gara come tutti sappiamo, sospesa in anticipo per il nefasto incidente a Gabriela Ciuti, che sancisce la fine reale della Targa Florio, come gara in circuito.

Adesso Gaetano si dedica a raduni ed gare di regolarità con la sua bellissima Lancia Aurelia spider B 24 di un bel nero lucente.

La mia non è stata un’ intervista canonica, ma solo appunti presi durante una amichevole ed appassionata discussione fatta accanto la Cisitalia 204 dell’ amico argentino Sergio Lugo e lo stesso Gaetano, si scusa di possibili dimenticanze o inesattezze, in fondo son passati 50 dalle sue prime gare….Un piccolo ricordo che devo approfondire è di un suo ritiro in Targa Florio per un cruento contatto con Sandro Munari.. Indagherò.

Questo scritto è un piccolo mio omaggio ad un grande appassionato e pilota che ha avuto l’ onore di aver partecipato a molte vere Targa Florio. Grazie Gaetano. Salvo Manuli[smileyperso


B 20 MontepellegrinoVoir l'image en grand0 vote

Flaminia Blu cortaVoir l'image en grand0 vote

Flaminia Spider blu 3Voir l'image en grand0 vote

Flaminia Spider blu panoramaVoir l'image en grand0 vote



spider Blu box 1Voir l'image en grand0 vote

Zagato Blu targa 1Voir l'image en grand0 vote

Zagato Blu postVoir l'image en grand0 vote

relitto zagatoVoir l'image en grand0 vote

Zagato giallo 4Voir l'image en grand0 vote

Zagato giallo 1Voir l'image en grand0 vote

Fulvia Zagato gialla 72 2Voir l'image en grand0 vote

Fulvia Targa 72Voir l'image en grand0 vote

Alpine targaVoir l'image en grand0 vote

124 Lo Iacono monte 75Voir l'image en grand0 vote

Lancia Aurelia rievocazioneVoir l'image en grand0 vote

Salvo GaetanoVoir l'image en grand0 vote
Ciao Gaetano...  :d

---------------
SalvoManuli "figlio della Targa Florio" www.salvomanuli.it
n°15451889
salvo manuli
"Il Proff."
Profil : Vétéran
salvo-manuli
Posté le 04-05-2012 à 20:17:46  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Il Barone ed il Cacciavite

Premessa: Fine anni 60, a Palermo, negli ambienti automobilisti sportivi, che sono stati sempre in fermento avendo come riferimento la famosissima ed annuale 'Targa Florio, sopratutto negli ultimi decenni con validità mondiale, si è notato un cambio di tipologia dei partecipanti alla gara stessa.

Fin dall' inizio del secolo, i partecipanti erano quasi in esclusiva, appartenenti alle classe Nobiliari, con piloti titolati dalle massime definizioni araldiche: Principi, Duchi, Conti fino ai più modesti Baroni che, dato le loro possibilità economiche potevano permettersi di partecipare a questa grande vetrina di mondanità...ma dagli anni 50 in poi, ' burgisi (anonimi borghesi), commercianti, meccanici... iniziarono timidamente ad affacciarsi a questo sport. Con gli anni la loro presenza è stata sempre maggiore...quasi oscurando il brillante mondo degli ultimi Aristogratici rimasti a praticare in modo poco frequente questo sport.

Bravissimi e geniali meccanici palermitani, da preparatori si cimentano spesso con successo come piccoli costruttori di piccoli prototipi e spesso anche, come piloti di valore.
Alcuni di essi raggiungono un ottimo successo, ma mancava loro la classe, lo charme....che gli 'aristocratici possedevano: dal vestire, dalle buone maniere, dalla cultura di uomini dotti, dal modo di esporsi... un convivio a volte difficile, che solo la passione comune, per le auto da corsa riusciva a far quasi sempre superare.

Nasce cosi, a Palermo, una definizione per questi nuovi piloti identificati con la subdola, sottile, graffiante identificazione di 'Cacciaviti!
Non era una espressione che si sentiva pubblicamente, ma certamente nel riservo di una discussione tra aristocratici o nobili decaduti...per identificare questo o quel pilota emergente.
Non lo chiamavano per il suo cognome ma con la terminologia (quasi disprezzante) di Cacciavite, identificandolo cosi con le proprie origini plebee di semplice maestranza, di meccanico.


Palermo

Il profumo dell' olio fritto acre si miscelava a quello dolciastro della vaniglia dei biscotti da forno che si offrivano a bella vista sui precari banconi allestiti davanti le pasticcerie che li producevano.
La miscela odorosa di ' buono, impregnava l' aria, gli abiti e le case.

Quell' aroma che la brezza mattutina palermitana sospingeva tra i vicoli della Palermo vecchia, ti avvisava che eri in prossimità dell' arabo mercato della ' Vucciria, nel cuore di Palermo.

Una Palermo di fine anni 60, dove il centro storico si stava smembrando, gli abitanti preferivano trasferirsi in anonimi nuovi quartieri di periferia: Borgo nuovo, Zen, Michelangelo, Brancaccio...illusi dalla nuova edilizia popolare a basso prezzo; il sogno di una casa comoda senza i disagi di un' edilizia provvisoria e fatiscente dell' antico centro città.

Il Cacciavite

Pietro Errante, camminava spedito tra quei vicoli a lui famigliari, era nato in via Gagini, 25 anni prima, proprio vicino al mercato della Vucciria. Un ragazzo dai lineamenti delicati, bruno, non alto, il fisico magro ma muscoloso...

Risaliva dalla via Fonderia vecchia......che portava al porto, con un grosso pacco tra le mani, qualcosa di meccanico, ferroso, pesante. Forse dei semiassi di automobili, comprati da uno dei tanti sfasciacarrozze, Simoncini o Terranova, i più importanti del periodo che esistevano nella via. Tali attività commerciali si riconoscevano senza ausilio di cartelli pubblicitari, grazie alle carcasse di automobili che stazionavano perennemente sui marciapiedi, in attesa di essere 'cannibalizzate e rivendute a pezzi come preziosi ricambi. Spesso si vedevano auto in buone condizioni, ma con motori fuori uso, si ricorda ancor oggi di una Ferrari 250 Gt Blu metallizzato....fatta a pezzi per recuperare l' alluminio della carrozzeria, in una traversa chiamata via Squarcialupo.

Pietro Errante, gestiva una avviata officina meccanica, fondata dal padre Giovanni, prima della seconda guerra mondiale, in via Torrearsa, una traversa della via Libertà, zona di lusso di una Palermo in pieno sviluppo edilizio, dove in quel quartiere i costi delle case erano proibitivi per i non benestanti.

Avere una officina in quel posto di prestigio, significava avere una clientela selezionata: avvocati, medici, ricchi commercianti e di conseguenza auto di prestigio da gestire, manutentare, riparare: Alfa Romeo, Lancia, Mercedes, BMW ecc...

Pietro, dopo il diploma di perito industriale, come bravo figlio unico e grande appassionato di Automobili, aveva accolto con entusiasmo la volontà del padre di seguirlo nella sua piccola ma efficace impresa familiare anche perchè, fin da piccolo, il piccolo Pietro, di divertiva a frequentare l' officina e incominciava a partecipare alla vita dell' officina stessa...piccoli lavoretti quando non andava a scuola e poi, Pietro aveva la possibilità di sedersi al volante di quelle magnifiche auto e sognare!

Cosa poteva sognare un bambino palermitano appassionato di auto
da corsa? Cosa può fantasticare un bambino che vive in contatto di belle auto sportive, in un' ambiente dove si parla quotidianamente di piloti come Stefano La Motta, Pucci, Cammarata, Starrabba...eroi siciliani del volante che partecipavano alla corsa più bella del mondo, che si disputava sul circuito stradale delle Madonie?
Pietro poteva solo sognare, che un giorno avesse partecipato alla mitica Targa Florio, gara ideata e voluta da Don Vincenzo Florio, con la sua prima edizione nel Maggio del 1906.

A Palermo, negli anni 50 era quasi una moda, che le migliori officine Palermitane si cimentassero nella realizzazione di artigianali macchinette sportive per partecipare ' a Cursa, alla Targa di Maggio, un' appuntamento che non si poteva mancare. Un' appuntamento di mondanità, di prestigio. Chi partecipava aveva il privilegio di essere citato dai giornali di tutto il mondo...solo il vedere scritto il proprio Nome insieme ai campioni mondiali era un' onore che sarebbe rimasto indelebile per il resto della vita, tale privilegio era anche per questi piccoli costruttori artigianali, che partendo di solito, da un telaio e motore Fiat, Topolino o 1100, sostituendo la carrozzeria con una spider leggerissima, elaborando il motore...ed il gioco era fatto. Tali vetturette erano state definite, quasi burloscamente “Barchette” per la linea che assomigliava ad una barca sottosopra...

Improvvisati stilisti, davano indicazioni ad esperti battilamiere o carrozzieri...l' aereodinamica, si sconosceva, le norme di minima sicurezza...anche. Il risultato estetico era a volte devastante, solo le Lombardo, le RAOR di Falanga al Porto e le Mucera riuscivano ad un buon compromesso tra estetica, funzionalità e prestazioni.

Il papà di Pietro, da meccanico appassionato, non poteva esimersi da “tentare anche” lui a realizzare una Barchetta 'pa cursa!
Un anno di infinite discussioni, preparativi, lavori infiniti, soldi spesi, disquisizioni di papà Giovanni con chi lo aiutava.
Liti con il cazzoziere che non faceva ciò che lui decideva, con l' elettrauto che non capiva nulla ri 'machini i cursa, col torniere che non torniva, col ricambista che pretendeva costi esosi per alcuni ricambi essenziali, col gommista che non conosceva neanche la pressione che doveva fare alle gomme...Ma in una sola concordavano tutti felicemente...Doveva essere ROSSA, come i veri Bolidi italiani.
Paragonarla a Ferrari, Alfa e Maserati ...era veramente eccessivo.
Il nome....semplice ERGI sport 1100!

Pietro, ricordando quel periodo, gli si illuminavano gli occhi e non poteva trattenersi dal ridere, per svariati motivi : 1°, non si era mai parlato di chi la pilotasse, nessuno ne aveva le doti o il coraggio. 2°, la barchetta....non è mai andata bene, col motore di serie vecchio, sarebbe andata molto meglio. 3°, forse perche avevano comprato una 1100D incidentata da uno “Sfasciacarrozze”....la ERGI sport 1100, e non avendo la minima idea di cosa fosse l' allineamento, convergenza ed altro....non andava diritta...era una tragedia guidarla. Non frenava diritta, curvava per i “fatti suoi” ed era meglio non frenare....

E poi, argomento di riflessione per tutto lo Staff...erano state le lapidarie uniche parole dette dalla mamma di Pietro, quando vide per l' unica volta l' auto – Mamma mia quanto è brutta, sembra un cacocciolo !(carciofo).
Ordinando al buon Giovanni, già in piena crisi tecnica-esistenziale di non permettersi mai più a guidare una simile trappola, per il bene della famiglia

Sorridendo, Pietro raggiunse il suo scooter, una Lambretta 125, sistemò l' ingombrante pacco sulla pedana tra le gambe e imboccò velocemente la via Roma verso piazza Politeama per poi deviare sulla parallela alla via libertà, rallentando vistosamente, superando il famoso Bar Roney, molto in voga in quel periodo e sede di incontri della notte palermitana e poi quasi a fermarsi davanti al piccolo negozio immediatamente dopo il Bar, 'Modernauto, il Paradiso per gli appassionati di automobilismo: accessori corsaioli, tute, caschi, marmitte speciali, adesivi multicolori con le effigi delle case automobilistiche più prestigiose.
Pietro era un cliente del sig, Ninni Gentile il titolare, un tipo estroso amante anche di nautica, cliente di poco conto, rifletteva...a volte bastavano 2 autoadesivi dell' Abarth rossi e gialli con lo scorpione, collocati al posto giusto, per avere l' illusione che la propria 500 diventasse immediatamente una 695ss o una proletaria ed umile Fiat 600 o 750, si trasformasse in una performante 850 Nurbugring o meglio ancora in una 1000TC radiale, e se poi si alzava il cofano posteriore... ma pochi metri ancora prima di raggiungere l' officina in via Torrearsa, dove papà Giovanni lo aspettava impazientemente, avendo un' auto da consegnare, aspettando quei ricambi.

Ma Pietro, stava iniziando a realizzare i suoi sogni, sogni che coltivava già da bambino, correre in macchina a livello sportivo.

Già da un anno era felice possessore di una Fiat 500L del 75, di un bianco candido....ma questa eterogenea livrea era durata solo pochi giorni. Comprata da una anziana professoressa di lettere che andava in pensione e con pochissimi chilometri percorsi e in ottimo stato di carrozzeria, senza ruggine e i fondi perfetti... l' utilitaria era stata sempre in garage.
Trecento mila lire il prezzo concordato, un' affare.

In pochi giorni, Pietro aveva cambiato la fisionomia della piccola 500 Fiat, la stava trasformando in una 500 gr,2 per parteciapare alle gare in salita tanto di moda in quel periodo.

La aveva portata al peso minimo, alleggerendola di tutto il superfluo, Ferodi delle ganasce racing e pompa maggiorata, balestra anteriore e molloni posteriori ribassati, ammortizatori irrigiditi da Mario, titolare della Pa-Ga ammortizatori di via G. Cusmano, zona Dante, bravo pilota di k.250. F3 ed adesso impegnato alla realizzazione della sua barchetta....una Sport molto bella, con telaio da lui realizzato, carrozzeria in vetroresina e motore Lancia 1300. Era normale per chi si avvicinasse a questo sport, si affidasse ad amici con esperienza...bravi cacciaviti!

Il motore della sua 500 era stato alleggerito ed equilibrato dallo stesso Pietro, ma con molte parti speciali acquistati dai migliori preparatori sotto consiglio di un suo caro amico meccanico preparatore, il play Boy Gino Caci, di via Maggiore Toselli, famoso per le sue preparazioni di Fiat 128 e buon pilota di Targa Florio con le sport.

Camme e coppa dorata Arquati, carburatore Weber, doppio corpo, curato personalmente da Franco Virzi...il mago dei carburatori di via Villafranca, un personaggio nel mondo dei cacciaviti, pilota e possessore di una preziosa Giulietta SZ...che per seguire la moda del periodo, anche lui voleva realizzare la sua “Barchetta prototipo” e...senza alcuna esitazione ha smembrato la povera SZ....trasformandola in una bruttissima Barchetta sp...dal nome non definito, forse Pastorello-Diablo, dalla vaga sagoma che ricordava l e Porsche turbo CanAm con un grande radiatore, ma quello della Porsche esteticamente era bellissimo...
La 500L di Pietro era una bella 'macchinetta, roll bar posteriore, sedile piccolo Fusina, come il volantino in pelle nera ecc...ecc...

La livrea esterna era rigorosamente Bianco rosaspino, col solo vezzo di una vistosa fascia colorata, sul lato basso della mascherina anteriore, 'Verde Pistacchio in omaggio al mitico Barone Antò Pucci che aveva nel 1964, anno in cui vinse la sua Targa Florio, sul cofano anteriore della sua Porsche 904 ufficiale, una bellissina fascia Verde...che piaceva tanto a Pietro.

Rigorosamente senza paraurti e con un vistoso ' scappamento posteriore Abarth a due canne cromate...il tutto rendeva la piccola utilitaria, abbastanza cattiva.
Tutti i suoi risparmi erano destinati a Lei (la 500), tanto da rendere nervosamente gelosa la sua ragazza, la carina Silvana ragazza mite e riservata, conosciuta ad una festa per il diploma di maturità delle ragazze dell' Istituto San Vincenzo al quartiere Noce, esperte in Applicazioni tecniche, cosa che Pietro non aveva mai capito di che tecniche fosse diplomata la sua ragazza...La ragazza in attesa di poter insegnare, aiutava la mamma a casa che faceva la sartina.
Mai, Silvana, aveva voluto accompagnare il suo Pietro alle cronoscalate che aveva incominciato a disputare nel 69, forse non reggeva lo stress o la paura di vedere il suo Pietro rischiare in auto....perchè Pietro andava veramente forte col suo cinquecentino, tanto da arrivare spesso davanti e vincere davanti le più blasonate azzurre 500 Giannini TV, macchine più performanti della sua 500 molto artigianale fatta in officina con l' aiuto del papà Giovanni.
Poche passeggiate con la sua Silvana, di solito il sabato o la Domenica, prevalentamente quando non vi erano corse a cui partecipare o da seguire.

Ma quella Domenica del 1969... quel 4 Maggio di una spettacolare primavera madonita, in quel famoso tornante a sinistra sotto il primo bivio di Sclafani, intorno alle 10 del mattino, dopo aver visto transitare le prime auto da corsa, le gran turismo classe 1300, le Lancia Fulvia Zagato, che lui amava, guidate in modo spettacolare da Restivo e Merendino col numero 6, Cabella, Capra, Lo jacono ecc...Aveva preso una importsnte decisione, un sogno che inseguiva fin da bambino, partecipare alla Targa Florio.

La gara fu spettacolare con lo squadrone Porsche che con le sue multicolore 908-2 dettavano legge sull' insidioso tracciato siciliano, insidiate soltanto dalle Alfa 33 2500 di Vaccarella e dalla 2000 di Giunti, ma per Pietro esistevano soltanto le Fulvia Zagato...le altre erano solo sogni irrealizzabili e lui ne era perfettamente convinto.

Quell' anno alla 'Targa, Pietro c' era andato in compagnia di un suo amico, o meglio un Buon conoscente, il Baronetto Manfredi Cosma di Raffo e Campofiorito. Ultimo rampollo di una nobile famiglia di nobili palermitani ma di chiara origine madonita.

Lo conosceva da anni, era figlio di un vecchio cliente dell' officina del padre, 'u Baruni Masino, galantuomo vecchio stampo.
Era un evento speciale quando 'u baruni Masino portava le sue auto in officina. Pietro le ricorda una per una....tante ore ci aveva passato dentro sognando di guidarle: Lancia Aurelia B20 bianco avorio, alfa 1900 Tourig di un rosso spettacolare e poi Giulietta sprint bianca ed una SS comprata subito dopo, rigorosamente Rossa, con un fantastico Air Scream in plexglass, sul cofano anteriore davanti il parabrezza....per evitare che i moscerini sporcassero lo stesso.
Tale tesi mi fu spiegata dallo stesso ‘Baruni, dopo le mie domande a cosa servisse.

Con Manfredi, son cresciuti insieme aveva circa la stessa età, ma Pietro era consapevole che i loro mondi erano molto distanti, solo la passione per le macchine da corsa li univa, avevano molto da discutere insieme, da anni leggevano insieme le riviste specializzate: Autosprint, Auto Italiana, Quattroruote...divorando i resoconti sportivi, sopratutto gli articoli sulle gare siciliane e sulla Targa Florio.

Il Barone

Il Viale della Libertà taglia la città di Palermo da
Est ad Ovest, ma solo per la parte centrale, la Palermo Liberty dei primi del Novecento, poi dalla Statua dedicata hai caduti di tutte le guerre, direzione Trapani cambia nome....Croce Rossa, Resuttana.
Mentre da Piazza Politeama direzione Messina, diventa Ruggero Settimo, Maqueda e dopo la stazione ferroviaria prende il nome di via Oreto.

Negli anni 60/70, per molti ragazzi della Palermo bene, Palermo finiva dopo la via Ruggero Settimo, il Teatro Massino era un limite naturale. Tutto cambiava: il tipo di negozi, il tipo di abitazioni. I mercati diventavano con la loro perpetua confusione, solo luoghi di commercio, dove vivere diventava impossibile.
La città si espandeva verso quartieri nuovi: Lazio, Restivo, Strasburgo, quartieri anonimi, ma ben serviti.

I Baroni Cusma di Raffo e Campofiorito, dal loro palazzo di via Alloro, ai Lattarini, si erano trasferiti in un lussuoso appartamento di Viale delle Magnolie, con tanto di portiere in perenne livrea grigia e cappello con le chiavi in ottone in bellavista.
Manfredi ' u Baronetto, il rampollo, il più piccolo dei figli del barone, a 26 anni studia ancora architettura, all' antica facoltà di via Maqueda, qualche anno fuori corso, ma non certamente un problema per lui, effettivamente non trova il tempo per studiare ed impegnarsi in facoltà: palestra, tennis, vela...e poi la vita notturna lo stressa. E' un ragazzo brillante, conosciuto nella Palermo 'bene.

Manfredi, vive la sua vita in modo Vivace, come si potrebbe definire la sua quotidianità, la mancanza di veri impegni, tranne l' università, lo vedono protagonista negli eventi che si succedono, tra i ragazzi di quella Palermo che negli anni 70, percepivano quel benessere che in Italia si evidenziava con lo sviluppo industriale e che in Sicilia, come controtendenza si manifestava con la partecipazione con finanziamenti 'a pioggia, per un' economia locale che si basava su un terziario che produceva poco, ma spendeva molto, essendo quasi tutti figli di una Politica Regionale molto disinvolta. Il polo della chimica del Mediterraneo di Termini Imerese, non riusci mai ad entrare in funzione e rimaneva soltanto lo stabilimento Fiat come vero simbolo dell' industrializzazione arrivata nel territorio Palermitano.

Manfredi Cusma di Raffo, come quasi tutti i giovani rampolli delle antiche famiglie palermitane, era un grande appassionato di automobilismo, diceva in giro che era imparentato con Franca Florio di Trabia, moglie di Ignazio Florio, fratello del famoso Don Vincenzo, creatore della Targa Florio....ma non era vero, ma si sa siamo tutti figli della Targa Florio, una piccola bugia non cambiava nulla....un modo per sentirsi più vicino a quel mondo che amava, quella passione che gli aveva trasmesso suo padre, che veramente conosceva don Florio, i suoi sogni di quando viaggiava a fianco del Barone sulle Alfa o Lancia, ricordi indelebili, di quelle gite con la famiglia in quelle primavere madonite, in quei primi giorni di Maggio a Floriopoli, la cittadella sportiva prima di Cerda costruita per ospitare 'a cursa.

Manfredi era uno spericolato giovane motociclista, ed il numero delle ossa fratturate erano la testimonianza...
Faceva cross al campetto che era nato spontaneamente all' interno del parco della favorita, con la sua Gilera 125 regolarità casa, poi trasformata in Frigerio esteticamente....Manfredi era molto sensibile alle mode! Quelle gare clandestine alla Favorita, gli erano costate salate multe, relazionate dai Vigili Urbani Palermitani che lo conoscevano bene, tanto da invitare il Barone a controllare di più il giovane campione, ma senza nessun effetto. Il giovane Manfredi si divertiva a scorrazzare per la città con la sua moto da cross, spesso accompagnato da belle e disinvolte ragazze, con minigonne da brivido, accovacciate sulla parte posteriore della scomoda sella.
Anche lui aveva provato l' emozione di correre in auto, ma con auto di amici, sempre con buoni risultati, salite, pista.

A fine degli anni 60, i ritrovi dei ragazzi “in” palermitani erano il Bar Alba a piazza Don Bosco, Il Baretto di Mondello, il Bar delle Magnolie, ma non si frequentava il Roney di viale della Libertà, bellissimo locale ma definito 'Tascio, per le frequentazione di personaggi, sopratutto notturni di dubbia moralità.
Non si può non ricordare il centro di ritrovo al Fiamma, elegante cinema di via Notarbartolo, famoso per lo scherzo della 'ninfomane, scherzo di pessimo gusto, che si perpetuava quasi giornalmente a sprovveduti ragazzi che si illudevano di una facile avventura con una bellissima donna che abitava in quella piazzetta...ed il giovane Manfredi era uno dei più abili organizzatori!

Come non parlare delle discoteche più frequentate in quel Aureo periodo palermitano?
Di Pomeriggio al 'Madison dei fratelli Salemi, si entrava con 200 lire, si evitava l' Escalation di via Lo Jacono, per non confondersi con alcuni frequentatori, gli stessi del Bar Roney serali.
Ma la notte, Manfredi era il Re del Grant's di via Paternostro, il Sabato e la Domenica invernali li, aveva stabilito la sua seconda residenza. Mentre il Barone Masino, suo padre, frequentava l' esclusivo 'Mirage, nigth esclusivo di via E. Amari, famoso per gli spettacoli di spogliarello... Night rimasto nell' immaginario di molti ragazzi di quel periodo, dato gli elevati costi di ingresso!

Adiacente al 'Mirage, si ci poteva consolare con lo 'sfincionello ed arancine della rinomata rosticceria 'Giannettino, ritrovo di molti ragazzi per fugaci e saporite colazioni.
A pochi metri del 'Giannettino, altro negozio rappresentativo del periodo, i fratelli Dario ed Elio Carraffa, gestivano un bel negozio, che inizialmente era di piccoli elettrodomestici e materiale elettrico, ma con la passione dei due fratelli, era diventato un punto di riferimento per gli appassionati di modellismo automobilistico statico e dinamico, i 'Fratelli avevano avuto esperienze di 'corse, quindi, l' argomento principe all' interno del negozio era logicamente la grande Targa Florio.
Al giovane Baronetto Manfredi non poteva mancare l' hobby del modellismo e si cimentava nelle gare di slot nelle belle piste elettriche che sorgevano in quel periodo in città: centro 'Le Mans, prima in via lo Jacono e poi in via Ariosto, il 'Targa Florio a piazzetta Princ.ssa di Scalea (dietro piazza Croci) ed il 'Trinacria di Mario Mirabella in via M. Rapisardi.

Ma qualcosa oltre il conoscersi in officina del padre di Pietro, univa i due ragazzi, frequentavano la stessa palestra, diretta da uno stranissimo Filippino, Benny, esperto in Karate e tecniche orientali di auto concentrazione, yoga ed altro...era un mito a Palermo, tutt' ora si raccontano cose strabilianti di Lui, come la lievitazione ed altro....e molti giurano di aver assistito a queste performances di Benny...

La Passione

La passione sviscerata per le macchine da corsa, univa i due ragazzi, molto diversi tra loro, ma profondamente uniti da amicizia e rispetto, si conoscevano da bambini e tanti sogni insieme fatti dentro le auto fatti, all' interno delle auto nell' officina del padre di Pietro.
Due mondi molto differenti tra loro, il lavoro, la fatica e pochi soldi per Pietro...Bella vita comoda, poche responsabilità e molta disponibilità economica per Manfredi...ma un giorno il 4 Maggio del 1969, i 2 ragazzi amici, presero una decisione all' unisono.
Comprare una Fulvia Zagato e partecipare alla Targa Florio dell' anno successivo!

Dire che quella decisione avesse cambiato la loro vita è riduttivo.

Le loro famiglie vivevano in una fase di tensione continua, di stress...di inconscia felicità. I papà, grandi appassionati di automobilismo, forse, vedevano realizzato il loro sogno in modo indiretto, attraverso i figli, accompagnati dal panico di saper della pericolosità di questo sport, ma superato dalla passione e la voglia di esser protagonisti di questo evento mondiale anche solo come 'genitori di piloti partecipanti.

Manfredi e Pietro, ormai vivevano in simbiosi quotidiana, tanto da suscitare gelosie da parte delle loro fidanzate...che quasi non frequentavano più....dediti esclusivamente alla bella 'Fulvia, la loro nuova compagna, che dava loro emozioni forti, sconosciute...

Chi era Fulvia? Una Lancia Fulvia Zagato 1300, tutta in leggero alluminio.
Di un bel colore avorio, comprata usata da un' amico comune, Oreste ' u gioelliere di via Maqueda.
Grande appassionato anche lui, ha ceduto l' auto ad un prezzo fantastico, molto sotto alle quotazione....col patto che partecipassero 'a cursa, con un adesivo pubblicitario del suo negozio. Questa decisione di Oreste, convinse i due ragazzi che i Santi esistono, don Vincenzo aveva preso a cuore i due ragazzi...

La Fulvia, acquistata a fine Estate, dopo qualche passeggiata per capire come si guidasse e come fosse fatta....dopo diversi giri di Targa tanto, per consumare il motore, gli ammortizzatori, le vecchie Kleber in dotazione...la stazionarono all' interno dell' officina di Giovanni e Pietro Errante...bene in vista, come per comunicare ai clienti ed occasionali visitatori...che in quella premiata officina si preparasse una vettura per la ' Targa...

Una preparazione, che tutti potevano visionare...Ammirare!
Il colore rimaneva Avorio, ma l' auto in pochi giorni era tutta smontata, allegerita...stava prendendo piano piano l' aspetto di una vera Gr. 4, la categoria a cui sarebbe stata iscritta – gran turismo gruppo 4 - 1300cc.

Pietro si ritrova accanto un Manfredi che non conosceva: disponibile, interessato, spesso in tuta con le mani sporche di olio e grasso nero.
Il loro sogno piano piano si materializzava.
I pezzi speciali incominciavano ad arrivare: i codolini in vetroresina da rivettare ai parafanghi, per poter ospitare i nuovi cerchioni maggiorati, il roll Bar integrale costruito a Palermo in acciaio, da Totò Mannalà, ottimo carrozziere e buon pilota di 500, sedile, sterzo a Calice, estintore, ganci ferma cofani, ecc...

Per loro fortuna, un Breefing, voluto dai genitori dei due ragazzi, mette in evidenza un aspetto che non era stato preso in considerazione seriamente, chi preparava il difficile motore della Fulvia Zagato?, certo la passione aveva grossi limiti tecnici e tutti loro ne erano ben consapevoli...

I genitori dei ragazzi... decidono in perfetta simbiosi, di affidare il motore, della Fulvia dei loro ragazzi ad esperti in Lancia da competizione...i ragazzi non credono alle parole dei loro genitori, quando riferiscono di aver già preso accordi con Claudio Maglioli da Biella, famoso pilota e noto preparatore di Lancia, che in società ha creato la F&M, che prepara le famose barchette Fulvia Prototipo che hanno fatto impazzire il pubblico siciliano, in Targa del 69 con Munari, Pinto, Aaltonen e lo stesso Maglioli.

Mai Pietro e Manfredi avessero potuto credere, che la grande passione che li univa avesse cosi coinvolto i loro genitori...un sogno che realizzavano insieme ai loro genitori, qualcosa di meraviglioso si stava avverando, i legami si saldavano, si fondevano in un' esplosione emotiva che andava oltre lo sport, si scoprivano affetti e quelle sottili linee di sangue che uniscono genitori e figli.

Adesso anche le mogli dei genitori diventavano gelosi della nuova fiamma entrata nelle loro famiglie, certamente Fulvia, aveva destabilizzato gli equilibri di quelle due famiglie.

Per i mesi che precedevano ' a cursa, si viveva in funzione di lei, U Baruni e Giovanni, stavano sempre insieme in officina come non mai...e gestivano da veri manager il lato economico dell' evento, lasciando liberi i ragazzi di preparare l' auto senza molti pensieri.

L' Arrivo del motore, tutto nuovo, da Biella, viene festeggiato come la nascita di un nuovo membro della famiglia... una cassa lignea, lo ospita...le foto si sprecano, anche da parte degli occasionali avventori che ormai, passano spesso dall' officina a seguire lo sviluppo dei lavori.

Pietro è letteralmente innamorato di quel motore:
Sabbiato, lucido, piombato, due grossi 'picciriddi Solex da 45 doppio corpo, il coperchio punterie giallo blu...cambio ravvicinato, ma non troppo, per la Targa...e poi tutto quello che immaginava ci fosse dentro: bielle in acciaio alleggerito, albero equilibrato, pistoni stampati, molle valvole e valvole speciale, cammes con incroci pazzeschi....
Tutto rigorosamente segnato in una scheda tecnica che accompagnava il motore...che al banco dava un numero spropozionato di cavalli...troppi, troppi!

In due giorni il motore era stato collocato...insieme al meraviglioso scarico libero, intero, che usciva lateralmente...

Nel quartiere Libertà, si ricorda ancora che una Domenica mattina di un giorno non specificato del Febbraio del 1970... un non precisato movimento tellurico accompagnato da un lacerante rombo inumano...fece sobbalzare tutte le strade adiacenti alla via Torrearsa, creando scompiglio tra le famigliole che vivevano la santa Domenica all' interno dei loro appartamenti.

Fulvia era andata in moto al primo tentativo...un melodioso concerto di cavalli si scatenava ed usciva con arrogante impertinenza dallo scarico in acciaio armonico.
In quel garage sotterraneo, sembrava che si svolgesse un' importante riunione di quartiere, tanta gente era presente all' evento, tanto da prevedere l' intervento di qualche pattuglia dei Carabinieri, allertati, da qualche terrorizato condomino dello stabile...ma gli anni 70 erano anni speciali, si viveva di Targa Florio e fu soltanto una festa di quartiere...la belva aveva una sua voce, ed era l' orgoglio del quartiere.

Un simpatico 'panellaro, che aveva l' azienda vicino Borgo vecchio, letteralmente innamorato ' ra machina i cursa, portò pane e panelle per tutti acconpagnato da ottimo Passito Partanna e propose, senza molto successo, di chiamare a machina i cursa...'u Liuni e stampare sul cofano anteriore, l' effige di una testa di Leone...tipica nelle Api a tre ruote del periodo, solo la riconoscenza della non aspettata colazione... ha evitato che il giovane panellaro fosse stato messo alla porta dell' officina.

Pietro quel giorno era emozionatissimo, capiva che non esistevano differenze tra ' i Cacciaviti ed i Baruni e che l' affetto e la passione era al di sopra di certe dicerie a volte spropositate e maldicevoli.

Quella Domenica, Pietro ebbe uno sguardo di conforto per la sua 500 da corsa, abbandonata in quei mesi, quasi come per farsi perdonare di averla trascurata per la nuova Diva dell' officina,
Miss Fulvia, giovane e spregiudicata.

I Mesi correvano veloci, tra lavoro e messe a punto della Fulvia Zagato.
Maggio si avvicinava, il 3 Maggio, data della gara diventava un punto di riferimento per tutti e tutto.

Fulvia era perfetta, provata per strada, provata a Monte Pellegrino, la mattina alle 5...il suo rombo si sentiva da tutto il quartiere sottostante il monte e poi le prove ai filobus...una strada quasi deserta. dietro il Liceo Garidaldi, parallela al Giardino Inglese, dove i lampioni della luce facevano come rilevamento delle marce e della velocità, tutto questo fatto sempre sotto la supervisione dei genitori ed uno stuolo di amici che facevano da staffette per avvisare su eventuale arrivo di sbirri o simili...

Tute nuove, caschi...licenze fatte All' ACI Palermo di via Nicolò Turrisi, alle spalle del Tribunale di Palermo.

Un' emozione forte attraversò con brividi il corpo dei due ragazzi quando si andarono ad iscrivere alla 54° Targa Florio. Lo stesso giorno di Aprile, nei locali dell' ufficio sportivo...incontrarono i loro idoli: Raffaele Restivo e (Mister X) Michele Merendino, che si iscrivevano nella loro stessa classe con la loro Lancia Fulvia sport Zagato C 1300 e poi leggendo i nomi degli altri iscritti...Capra, Lepri, Calabrò, Lisitano, Lo Jacono Mantia...
Una quasi voglia di mollare tutto, passò per le loro menti.
Scontrarsi contro quei mostri sacri....solo un attimo e poi la voglia di calcare l' asfalto sacro di Floriopoli, essere partecipi insieme ai grandi.
Il loro sogno si era materializzato.

Un sogno che si perpetuava da sempre... Ferrari, Porsche, Maserati, Alfa...
Vaccarella, Giunti, Siffert, Muller, Elford, Redman....nomi che mettono i brividi al solo pronunciarli e Noi con loro insieme quel meraviglioso 3 Maggio del 1970.
11 giri per 790 chilometri, in quei luoghi magici dove si è creata la leggenda.

Floriopoli, Cerda, Granza, bivio Scafani Bagni, Bivio Caltavuturo, giù per Scillato, bivio Firrionello per Polizzi, Collesano, Campofelice, Bonfornello...
Il percorso scorreva veloce nella mente di Pietro e Manfredi,

Indescrivibili le emozioni che vivevano i due giovani amici palermitani adesso uniti da un cordone ombelicale indissolvibile, simili nella loro passione, simili all' affetto verso i propri genitori ed amici.

Domenica 3 Maggio 1970, Floriopoli, alle ore 09,14 parte la prima macchina con un susseguirsi a 15 secondi.

Pietro e Manfredi e la loro Fulvia, stavano anche loro per scrivere, una loro piccola piccola pagina nella Storia, della Meravigliosa Targa Florio.

Salvo Manuli
[smileyperso

Dedicato a tutti i figli ed amici della targa Florio
e a tutti i cacciaviti e nobiluomini, che si sono immolati nel nome di Vincenzo Florio

Message édité par salvo manuli le 04-05-2012 à 23:40:21

---------------
SalvoManuli "figlio della Targa Florio" www.salvomanuli.it
n°15451925
donflorio
patito della Targa Florio
Profil : Routard confirmé
donflorio
Posté le 04-05-2012 à 21:14:00  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Maestro oltre ai cacciavite e ai nobiluomini c'erano anche i "panellari" ce ne parli grazie.
n°15451945
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 04-05-2012 à 22:38:04  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

salvo manuli a écrit :


....
Gaetano Lo Iacono, oggi è un settantacinquenne in ottima forma e nonostante sia in pensione da tempo, non si tira mai indietro nell’ aiutare gli amici Falanga quando c’ è da risolvere problemi “camurrusi” soprattutto alle vecchie Lancia che si trovano all’ interno dell’ officina in ripazione........



Caro "Maestro"

una delle cose belle della nostra manifestazione è stato il calore umano e le amicizie nate spontaneamente sotto il tetto dell'officina storica Falanga.

Ricordo la gioia di Sergio nel sapere la sua Cisitalia Abarth in un luogo storico, dove generazioni di meccanici hanno lavorato sulle Fiat e le Lancia preparate con genuina passione per il Giro di Sicilia, la Monte Pellegrino....

Ricordo anche la sorpresa di Lo Iacono o di Napoli nello sfogliare insieme sul computer le pagine di Targapedia (che non conoscevano) e nel vedere le immagini delle loro auto, o dei loro nonni, i filmati, buona parte della loro vita e della passione automobilistica. La loro promessa di cercare le loro foto per condividerle in rete e Tommaso Falanga prendere dallo scaffale dell'ufficio un preziosissimo album con immagini inedite degli anni 50 per consegnarmelo con lo stesso fine : fare vedere e raccontare cosa erano quegli anni per la Palermo innamorata della Targa e delle corse !

Episodi difficili da raccontare come difficile è raccontare il continuo avvicendarsi di appassionati del motore in via Volta, sino all'altro ieri per vedere la 204 di Sergio e per chgiacchierare di auto, di corse e di uomini dei tempi felici.... felicissimi .....

E' stato anche per me un piacere chiacchierare con Gaetano Lo Jacono, gentile persona, che con modestia evitava di vantarsi dei suoi trascorsi, confrontando i miei dati con i suoi ricordi....

Gaetano è stato con noi l'intera giornata, condividendo le forti emozioni del 10 aprile 2012 e regalando al pubblico il piacere di vedere la sua bellissima B24 America nera.


Ciao Gaetano !
[smileyperso[smileyperso

2012-NUVOLARI-4Voir l'image en grand0 vote

2012-nuvolari-1Voir l'image en grand0 vote

2012-nuvolari-2Voir l'image en grand0 vote

2012-NUVOLARI-6Voir l'image en grand0 vote

2012-NUVOLARI-9Voir l'image en grand0 vote

2012-NUVOLARI-7Voir l'image en grand0 vote

2012-NUVOLARI-5Voir l'image en grand0 vote
2012--nuvolari-20Voir l'image en grand0 vote


1952-FALANGAVoir l'image en grand0 vote

Che giornate fantastiche.... che giornata fantastica ! [smileyperso[smileyperso[smileyperso

firma-targapedia


Message édité par TARGAPEDIA le 04-05-2012 à 22:45:54

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15451980
beppe45
... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Posté le 04-05-2012 à 23:13:08  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
parole paroleVoir l'image en grand0 vote


---------------
beppe 45
n°15452038
shortleg
Profil : Pilote pro
shortleg
Posté le 05-05-2012 à 00:20:16  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

gulf2 a écrit :


ripeto, andate a vedere l'elemco iscritti della le mans classic: 4 512, 2 917, 9 908, 12 gt 40, 6 910, 6 alfa 33, 12 lola t70 6 904, 2 312 p....perche noi no?


Da quando in qua, il Piccolo delle Madonie è una pista piatta e iperconfortevolmente attrezzata come quella di Le Mans...?
Non si può fare la Parigi-Dakar... caro Giuseppegulf, con le macchine sport che sogniamo noi..., lo abbiamo detto un miliardo di volte...
Sul Piccolo a stento si riesce a camminare..., quale correre...! e pultroppamente...Mac Group non aggiusta strade...

[smileyperso[smileyperso[smileyperso

n°15452083
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 05-05-2012 à 07:05:48  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
le strade dovrebbero essere a posto per la viabilita' ordinaria, il problema e' a monte: un paese civile non puo' permettersi strade statali o provinciali buone solo per raccogliere patate, non stiamo parlando di mulattiere, e qui la responsabilita' e' del sistema italia -sicilia.
per quanto riguarda la questione targa rally-irc, sembra invece che alla fine si sia riusciti nel colpaccio: chiedo obiettivamente e lucidamente scusa ai padroni del vapore per alcune mie precedenti esternazioni dettate dall'emotivita' in un momento in cui sembrava che il progetto fosse destinato a fallire.

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15452086
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 05-05-2012 à 07:17:29  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
la promozione della targa rally nel campionato irc e' un evento molto positivo anche se consideriamo le ricadute che potrebbe avere sulla manifestazione rievocativa: se il sito ufficiale irc -Eurosport titola: targa florio: the legend lives on..a me personalmente vengono i brividi..e' bello pensare che dopo 39 anni la targa florio possa avere nuovamente un respiro internazionale; nell'introduzione all'evento l'organizzazione IRC sottolinea in maniera marcata le radici del rally moderno nella corsa leggendaria che noi tutti amiamo, distingue le differenze con l'irripetibile formula velocita' che ha costruito il mito, e evidenzia le affinita' indubbie del rally moderno con lo spirito della corsa di un tempo, in quanto le sezioni di prove speciali su asfalto di alte e basse madonie riprendono svariati chilometri del piccolo medio e grande circuito.E' ovvio che se si riprende a parlare di targa florio in europa e nel mondo, e non solo per il cir, e' cosa assai buona anche per le sorti della rievocazione.

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15452108
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 05-05-2012 à 08:57:25  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
la-quiete-dopo-la-tempesta

gulf2 a écrit :


......per quanto riguarda la questione targa rally-irc, sembra invece che alla fine si sia riusciti nel colpaccio: chiedo obiettivamente e lucidamente scusa ai padroni del vapore per alcune mie precedenti esternazioni dettate dall'emotivita' in un momento in cui sembrava che il progetto fosse destinato a fallire.


falqui
ve lo avevo detto che funzionava !

eranosologarediburlesque [smileyperso[smileyperso


---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15452185
shortleg
Profil : Pilote pro
shortleg
Posté le 05-05-2012 à 12:47:12  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

gulf2 a écrit :


la promozione della targa rally nel campionato irc e' un evento molto positivo anche se consideriamo le ricadute che potrebbe avere sulla manifestazione rievocativa: se il sito ufficiale irc -Eurosport titola: targa florio: the legend lives on..a me personalmente vengono i brividi..e' bello pensare che dopo 39 anni la targa florio possa avere nuovamente un respiro internazionale; nell'introduzione all'evento l'organizzazione IRC sottolinea in maniera marcata le radici del rally moderno nella corsa leggendaria che noi tutti amiamo, distingue le differenze con l'irripetibile formula velocita' che ha costruito il mito, e evidenzia le affinita' indubbie del rally moderno con lo spirito della corsa di un tempo, in quanto le sezioni di prove speciali su asfalto di alte e basse madonie riprendono svariati chilometri del piccolo medio e grande circuito.E' ovvio che se si riprende a parlare di targa florio in europa e nel mondo, e non solo per il cir, e' cosa assai buona anche per le sorti della rievocazione.


Caro Giuseppegulf, sono due eventi distinti , anche nelle date, e la realizzazione dell'una non dovrebbe inficiare certo l'altra.
Tra l'altro, mi par di capire che pur essendo legati a doppio filo ACPA e Fondazione, le due organizzazioni dovrebbero essere distinte e separate: il rally all'ACPA come da statuto ACI, le manifestazioni alternative storico-ecologiche-rievocative​ alla Fondazione-MacGroup.
Non entro nel merito della prima, non ci sono mai entrato e non mi riguarda se non assai marginalmente; spero sempre invece nella seconda, che non ci vengano riproposti squallidi teatrini spacciati per...legend...! Se MacGroup, di cui ho la massima stima, dovesse toppare in terra di Sicilia, significherebbe che tale terra è proprio irrimediabilmente bruciata !
Quanto alla ignobile situazione delle strade, come ben sai, è cosa vecchissima..., e risale ai tempi in cui si correva davvero !
Ti posso dire che 10-15 anni fà il Panormus si preoccupava di tale problema (e si faceva regolarità...) contattando l'ANAS e concordando con loro rapidi interventi ad hoc; la situazione nel frattempo è peggiorata, ma non credo proprio irrimediabilmente...; quindi ritengo che, dopo aver provveduto a sommaria manutenzione in sicurezza, una manifestazione stile MM o Giro di Sicilia (per non sconfinare...) si può sempre realizzare; quella da te e da tanti altri auspicata (stile '86-'88-etc) potrebbe essere possibile in qualche tratto, perchè no; ma non sarà mai una Le Mans Classic..., rendiamocene conto, anche nelle più rosee aspettative.
Per me andrebbe bene ugualmente...! Dove devo firmare...?  :p

 ;)


Message édité par shortleg le 05-05-2012 à 12:49:34
n°15452242
salvo manuli
"Il Proff."
Profil : Vétéran
salvo-manuli
Posté le 05-05-2012 à 14:45:23  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
montecarloVoir l'image en grand0 vote

... e via con le ECO discussioni ...[smileyperso :d

---------------
SalvoManuli "figlio della Targa Florio" www.salvomanuli.it
n°15452248
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 05-05-2012 à 15:02:35  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Conforta vedere che abbiano scelto immagini del Mito.

Ora dovremo verificare che alle parole e alle promesse (anche subliminali) seguano i fatti.

E questo rimane tutto da vedere.

aspettandogodò57 [smileyperso

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15452249
shortleg
Profil : Pilote pro
shortleg
Posté le 05-05-2012 à 15:04:03  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 


ecoTARGA FLORIO... celebre manifestazione monegasca...  :( quantu semu inchicàntari...[smileyperso

n°15452250
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 05-05-2012 à 15:04:29  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
A proposito...

.....domani si vota.....

Altan

eranosologarediburlesque57 [smileyperso

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15452251
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 05-05-2012 à 15:08:48  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
falquiVoir l'image en grand0 vote

Quest'uomo, dopo la cura... e le cure.... del dott.Manzo, è rinato....

via quelle occhiaie, sorriso sulle labbra, fronte alta e fiera,

pronto a vivere le forti emozioni regalategli dall'AcPa


falqui-2Voir l'image en grand0 vote

a volte basta veramente poco......

prunes

eranosologarediburlesque57 [smileyperso

Message édité par TARGAPEDIA le 05-05-2012 à 15:11:36

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15452261
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 05-05-2012 à 15:34:47  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Novità Targa Florio Made in Italy da

effecomunityVoir l'image en grand0 vote

Rio - Alfa Romeo P3 B Achille Varzi - Targa Florio 1934

1934-rioVoir l'image en grand0 vote

10%20Alfa%20Romeo%20B%20P3%20-%20A.Varzi%20%288%29

Art Model - Ferrari 166 MM Emilio Giletti - Targa Florio 1952

1952-0artVoir l'image en grand0 vote

70%20Ferrari%20166%20MM%20-%20E.Giletti%20%282%29

M4 - Alfa Romeo 1900 TI Guidi Berardi - Targa Florio 1955

1955-m4Voir l'image en grand0 vote

12%20Alfa%20Romeo%201900%20TI%20%20C.Guidi%20-%20A.Berardi%20%285%29

Best - Porsche Carrera Abarth GTL Pucci - Barth - Targa Florio 1962

1963-bestVoir l'image en grand0 vote

44%20Porsche%20Carrera%20Abarth%20GTL%20%20A.Pucci%20-%20E.Barth%20%286%29

Best - Alfa Romeo Giulia TZ2 Geki - Zeccoli - Targa Florio 1966

1966-bestVoir l'image en grand0 vote

114%20Alfa%20Romeo%20Giulia%20TZ%202%20%20T.Zeccoli%20-%20Geki%20%287%29

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
n°15452262
gulf2
Profil : Routard confirmé
gulf2
Posté le 05-05-2012 à 15:36:48  answer
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
ah ah ah enzo sei mitico!

---------------
giuseppe cannata, figlio della targa
n°15452268
TARGAPEDIA
Profil : Pilote chevronné
targapedia
Posté le 05-05-2012 à 16:04:48  answerhomepage
Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Ancora poco e questa sera incontreremo al Baglio Himera
due vecchi amici inglesi della Targa Florio e del Forum


Spero che la serata riesca bene, il locale è stato scelto con cura, Mario, il proprietario, è un appassionato della Cursa, ed ha letteralmente tappezzato l'ingrsso del suo ristorante con un collage di gigantografie delle nostre foto !
Manco a dirlo il locale si trova alla fine del rettilineo di Buonfornello, pochi metri prima che la strada cominci a piegare verso sx in direzione Cerda.
Una lunga tavolata, saremo circa una trentina di amici tra inglesi, campofelicesi, nisseni e palermitani, ed un televisore a noi dedicato con tanto di lettore DVD....

Jack Wheeler è stato uno di quei fantastici ragazzi inglesi innamorato della Targa Florio, e anno dopo anno dal 1966 ininterrottamente sino al 1973 è venuto in Sicilia per misurarsi con i suoi connazionali, con i piloti locali e con i campioni del mondiale marche.

Insieme al padre Bill e agli amici Martin Davidson , John Phillips ed un certo Denis Jenkinson... ha amato la nostra cursa e la nostra terra. Cefalù e Campofelice sono stati i luoghi scelti per trascorrere le giornate della gara ed Ernesto Venturella, papà di Ninni è stato sempre con loro , da quì un motivo in più per rimanere così legati alla Targa Florio e alla Sicilia.

Jack e Martin attraversavano l'Europa con auto e carrello per correre le due classiche gare stradali degli anni '60 , la Targa Florio ed il Mugello, che in piccolo ripeteva alcune caratteristiche della Targa, e dove gli stesssi piloti che qualche settimana prima si erano sfidati sulle Madonie continuavano a darsi battaglia con le stesse auto !

Queste foto
scattate al Mugello,

la prima del 1967 con l'Austin Healey Sprite in continua evoluzione

1967-wheelerVoir l'image en grand0 vote

e la seconda del 1970 con la nuov la Jerboa BMC

1970-wheelerVoir l'image en grand0 vote

mostrano sulle carrozzeria ancora i bolli di verifica della Targa Florio.

1970-wheeler-2Voir l'image en grand0 vote

A tra poco Jack e John ! [smileyperso[smileyperso[smileyperso

firma-targapedia

Message édité par TARGAPEDIA le 06-05-2012 à 15:51:08

---------------
Enzo "figlio della Targa Florio"                               WWW.TARGAPEDIA.COM
mood
Publicité
Profil
Posté le 05-05-2012 à 16:04:48  answeranswer +Edition rapideVoir le bbcodeMPFavoris
 

 Page :
1  ...  1300  1400  1401  1402  1403  1404  1405  1406  1407  1408  1409  1410  1420  1430  1440  1450  1460  1470  ...  1737
100  200  300  400  500  600  700  800  900  1000  1100  1200  ...
1480  1490  1500  1600  1700  ...
Page Suivante
Page Précédente

Aller à :
Ajouter une réponse
  
Forum Auto
»
FORUM Sport Auto
»
Histoires du sport automobile
»
Targa Florio e le Corse Siciliane
 

Sujets relatifs
50 ans de Tour de Corse (1956-2006)TOUR DE CORSE HISTORIQUE [topic officiel]
Plus de sujets relatifs à : Targa Florio e le Corse Siciliane

Les 5 sujets de discussion précédents Nombre de réponses Dernier message
Rally dei Fiori - Sanremo 5 19-12-2009 à 17:06:17
recherche de photos 4 03-01-2013 à 14:20:50
1er rallye Provence méditerranée story 12 15-09-2008 à 21:34:53
que sont t ils devenu? 2 25-02-2008 à 19:37:14
Alpine A 106 9 11-01-2009 à 19:05:38


S'identifier

?